Mon - Fri: 9:00 - 17:30
Sat-Sun Closed
+356 21244895
Phone
55/1 Giuseppe Calì Street XBX1425 Ta' Xbiex Malta

NEWS

URSULA VON DER LEYEN ELOGIA LE RIFORME DI MALTA NEL DISCORSO SULLO STATO DELL'UNIONE

Pin It

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha elogiato le riforme giudiziarie di Malta durante il suo discorso annuale sullo stato dell'Unione europea mercoledì mattina.

Nel discorso chiave, la von der Leyen ha delineato il lavoro dell'UE durante lo scorso anno e ha parlato dei piani futuri per il blocco.

Tra le altre cose, la von der Leyen si è concentrata sul tema dello stato di diritto, dicendo che la protezione dello stato di diritto non dovrebbe essere solo un obiettivo da raggiungere, ma un traguardo che richiede "duro lavoro quotidiano".

Ha elogiato la riforma giudiziaria a Malta e anche il lavoro anti-corruzione in Slovacchia, ma ha espresso la preoccupazione che alcune attività degli stati membri rimangono di grande preoccupazione.

Von der Leyen ha reso omaggio a Daphne Caruana Galizia e ad altri giornalisti, come lo slovacco Jan Kuciak, che sono stati uccisi per le loro storie e ha detto che la Commissione introdurrà una legge sulla protezione dei media per proteggere i giornalisti che lavorano per la trasparenza e per scoprire la corruzione in Europa.

"I giornalisti sono sotto attacco per aver fatto il loro lavoro. Alcuni sono minacciati, altri vengono picchiati e tragicamente alcuni come Daphne Caruana Galizia e Ján Kuciak vengono assassinati", ha detto.

Parlando della pandemia di Covid-19, la von der Leyen si è impegnata a consegnare 200 milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus in più all'Africa per aiutare a frenare la pandemia di COVID-19 su scala globale.

Ha detto che la nuova donazione da consegnare completamente entro la metà del prossimo anno si aggiunge ai 250 milioni già promessi e sottolinea la volontà dell'UE di aumentare la sfida che le nazioni a basso reddito stanno affrontando.

La Von der Leyen lo ha definito un "investimento nella solidarietà ed è un investimento anche nella salute globale".

Ha detto che oltre a consegnare 700 milioni di dosi agli europei, il blocco di 27 nazioni ha anche inviato altrettante dosi a 130 nazioni.

"Siamo l'unica regione al mondo a raggiungere questo risultato", ha detto nel suo discorso sullo stato dell'Unione europea al Parlamento europeo.

"La nostra prima e più urgente priorità è quella di accelerare la vaccinazione globale", ha detto von der Leyen. "Con meno dell'1% delle dosi globali somministrate ai paesi a basso reddito, la scala dell'ingiustizia e il livello di urgenza sono evidenti".

Nel frattempo, colpito dal rapido collasso dell'esercito afgano e dalla caotica evacuazione guidata dagli Stati Uniti attraverso l'aeroporto di Kabul, von der Leyen ha svelato nuovi piani per sviluppare le proprie capacità di difesa per cercare di garantire una maggiore libertà di azione nelle crisi future.

Più di 100.000 persone sono state evacuate nei frenetici giorni finali del ponte aereo degli Stati Uniti dopo che il presidente Joe Biden ha detto che le truppe americane se ne sarebbero andate, forzando le mani dei paesi dell'UE incapaci di affrontare i talebani da soli. Molte migliaia di afgani rimangono, disperati per sfuggire all'incertezza del dominio talebano.

Le scene di caos includevano afgani che si precipitavano verso la morte dalle fiancate degli aerei militari al momento del decollo e un attentato suicida che ha ucciso 169 afgani e 13 membri del personale americano e ha incapsulato la fine di una guerra di due decenni condotta da Washington con il sostegno finanziario, politico e di sicurezza degli europei.

Nel suo discorso, la von der Leyen ha detto che il fallimento del governo e delle forze di sicurezza a Kabul e la loro caduta a favore degli insorti talebani in pochi giorni solleva questioni preoccupanti per il blocco di 27 nazioni, ma anche per la NATO.

"Assistere agli eventi in Afghanistan è stato profondamente doloroso per tutte le famiglie dei soldati e delle donne caduti", ha detto von der Leyen ai legislatori europei. "Per essere sicuri che il loro servizio non sarà mai vano, dobbiamo riflettere su come questa missione possa finire così bruscamente".

"Ci sono questioni profondamente preoccupanti che gli alleati dovranno affrontare all'interno della NATO", ha detto l'ex ministro della difesa tedesco. Ma ha ammesso che la cooperazione con la NATO, dove gli Stati Uniti sono di gran lunga il membro più potente e influente, deve anche rimanere una priorità.

Tuttavia, la von der Leyen ha detto al Parlamento europeo a Strasburgo, in Francia, che "l'Europa può - e chiaramente dovrebbe - essere in grado e disposta a fare di più da sola", e ha insistito che "è tempo che l'Europa passi al livello successivo".

All'inizio di questo mese, i ministri dell'UE hanno discusso la creazione di una forza UE di riserva di circa 5.000 truppe da schierare in crisi come quella dell'aeroporto di Kabul. Il piano affronta l'opposizione di alcuni dei 22 paesi dell'UE che sono anche membri della NATO, in particolare i paesi confinanti con la Russia confortati dalle garanzie di sicurezza degli Stati Uniti.

L'idea non è particolarmente nuova. L'UE ha un sistema di gruppi di combattimento da schierare nei punti caldi, ma non sono mai stati utilizzati, e gli europei sono generalmente riluttanti a inviare le loro truppe in zone di conflitto attivo.

"Ciò che ci ha trattenuto fino ad ora non è solo una mancanza di capacità - è la mancanza di volontà politica", ha detto von der Leyen. "Se sviluppiamo questa volontà politica, c'è molto che possiamo fare a livello UE".

Ha detto che l'UE deve gettare le basi per un migliore processo decisionale collettivo e la condivisione dell'intelligence, migliorare l'interoperabilità delle attrezzature militari dei 27 paesi membri e investire in progetti comuni come i jet da combattimento, i droni e le capacità informatiche.

Il capo dell'esecutivo dell'UE ha proposto una rinuncia all'imposta sul valore aggiunto per le attrezzature di difesa sviluppate e prodotte in Europa, che potrebbe aiutare a svezzare il blocco dalla sua dipendenza dalle attrezzature statunitensi.

Von der Leyen ha detto che lei e il presidente francese Emmanuel Macron, che ha a lungo chiesto una maggiore autonomia di difesa dell'UE, in particolare durante le turbolenze dell'amministrazione Trump, convocheranno un vertice sulla difesa europea quando la Francia assumerà la presidenza di turno del blocco nella prima metà del 2022.

malta-independent-logo

TESTO TRADOTTO DALL'ARTICOLO ORIGINALE IN INGLESE PUBBLICATO DAL THE MALTA INDEPENDENT.

CONTINUATE A SEGUIRE LE ULTIME NOTIZIE AGGIORNATE SUL SITO DEL MALTA INDEPENDENT.

 

EVENTI MICC

Non ci sono eventi futuri
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
© Copyright 2021 MALTESE ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE. All Rights Reserved.