Mon - Fri: 9:00 - 17:30
Sat-Sun Closed
+356 21244895
Phone
55/1 Giuseppe Calì Street XBX1425 Ta' Xbiex Malta

PUBBLICAZIONI DAI SOCI

FORZA MAGGIORE - NON E' UN LASCIAPASSARE PER EVITARE LA PRIGIONE

Pin It

WH-2A seguito della pandemia COVID-19, è ormai diventato piuttosto noto che un debitore può difendersi per l'inadempimento di un'obbligazione o per un ritardo nell'esecuzione di un'obbligazione rivendicando (e dimostrando) la forza maggiore . Ma è davvero una panacea per il mancato rispetto degli obblighi contrattuali?

Il principio di forza maggiore è quello che ha caratterizzato numerose volte la giurisprudenza locale. Questo principio si trova indirettamente nei seguenti articoli:

  • L'articolo 1029 del codice civile stabilisce che " qualsiasi danno prodotto da un evento fortuito, o in conseguenza di una forza irresistibile, sarà, in mancanza di espressa disposizione di legge contraria, a carico della parte persona o proprietà si verifica tale danno ”;
  • L'articolo 1133 del codice civile stabilisce che " il debitore, anche se non vi è stata malafede, è responsabile dei danni, ove competente, sia per l'inadempimento dell'obbligazione che per il ritardo nel esecuzione della stessa, a meno che non dimostri che l'inadempimento o il ritardo è dovuto a causa estranea a lui non imputabile ”;
  • L'articolo 1134 del codice civile maltese stabilisce che " il debitore non sarà responsabile per i danni se gli è stato impedito di dare o fare la cosa che si era impegnato a dare o fare, o se ha fatto la cosa che gli era stato proibito di fare, di conseguenza di una forza irresistibile o di un evento fortuito ”.

Un evento di forza maggiore si riferisce a un evento che è: (i) irresistibile (ovvero rende impossibile per il debitore adempiere all'obbligazione); (ii) imprevedibile; (iii) causato da qualcosa di esterno; e (iv) completamente inevitabile e al di fuori del controllo del debitore.

Rispetto al primo elemento; cioè irresistibilità, l'interpretazione adottata dai nostri tribunali non è sempre stata uniforme, nel senso che tale elemento è stato talvolta esteso a situazioni che, pur non essendo impossibili da eseguire, sono diventate di natura eccessivamente onerosa, e ancora considerate “irresistibili” .

Un'osservazione importante da fare è che tutti i riferimenti nel nostro Codice Civile, che indirettamente fanno riferimento a tale principio, prevedono la non responsabilità per danni nel caso in cui un obbligo non venga eseguito, o sia altrimenti ritardato, per causa di forza maggiore .

Cosa succede nel caso in cui un evento sia considerato causa di forza maggiore ?

La nostra legge, quando si fa riferimento a situazioni di forza maggiore , prevede che il contraente che non adempia ai propri obblighi può essere esonerato da qualsiasi responsabilità per il mancato rispetto di tali obblighi dovuto all'evento di forza maggiore .

Se l' evento di forza maggiore dà luogo a una situazione in cui gli obblighi contrattuali non vengono eseguiti, ciò non dovrebbe automaticamente dar luogo alla risoluzione del contratto.

Ne consegue quindi che, anche se l'adempimento delle obbligazioni può essere ostacolato, un reclamo di forza maggiore non esonererà una parte dall'adempimento dei propri obblighi. 

In altre parole, quando si fa valere la forza maggiore , si fa un reclamo nella misura in cui non deve essere ritenuto responsabile per eventuali danni che possono derivare a causa dell'inadempimento oa causa di un ritardo nell'esecuzione del suo contratto obblighi - niente di più e niente di meno. Come dice il titolo di questo articolo, la rivendicazione di forza maggiore non è una "carta di uscita gratuita dalla prigione" e non dovrebbe essere abusata o estesa oltre ciò per cui era intesa.

Detto questo, è importante guardare ai propri contratti, visto che è anche possibile che un contratto preveda la risoluzione del contratto in caso di forza maggiore . Ciò significa che un contratto può stabilire che, in conseguenza dell'evento di forza maggiore , può essere risolto. 

La pandemia COVID-19 dà origine a un evento di forza maggiore ?

A causa della pandemia COVID-19, alcuni obblighi contrattuali sono stati sospesi o ritardati. Tuttavia, una domanda che si pone è se la pandemia COVID-19 possa essere classificata come un evento di " forza maggiore ".

Affinché la pandemia COVID-19 dia luogo a un reclamo di forza maggiore , l'adempimento degli obblighi contrattuali deve essere reso impossibile e non semplicemente essere reso più oneroso o diventare più costoso o non redditizio.

Quindi, come determinare se la pandemia COVID-19 dà origine a un evento di forza maggiore ? Le parti contraenti dovrebbero fare riferimento alle disposizioni dei contratti che delineano i loro obblighi per vedere se è in vigore una clausola di forza maggiore . Inoltre, dovrebbero rivedere la clausola di forza maggiore per verificare se comprende una pandemia come un possibile evento di forza maggiore .

Cosa dovrebbe fare una parte contraente?

In primo luogo, deve essere determinata la legge applicabile al contratto. Se il contratto è regolato da una giurisdizione che non riconosce tale concetto (come le giurisdizioni di Common law), è necessario verificare se è stata concordata una clausola di forza maggiore tra le parti; e in caso affermativo, se si intende che una pandemia rientri nella definizione concessa in base a detta clausola di forza maggiore . Se non si trova alcuna clausola di questo tipo, si dovrebbe fare riferimento a nozioni simili (come la nozione di frustrazione di Common law che è simile al concetto di forza maggiore nei paesi di diritto civile).

Possono verificarsi situazioni in cui un contratto non prevede una clausola di forza maggiore ; tuttavia, visto che la legge applicabile sarebbe quella che riconosce un tale concetto, può ancora essere avanzata una richiesta a questo riguardo. 

Effetto di COVID-19 sui rapporti contrattuali relativi a locazioni commerciali

Quando si tratta di locazioni commerciali, le parti contraenti possono aver concordato tra loro che deve essere rispettato un periodo di fermo ; cioè il locatario sarebbe tenuto a pagare l'affitto al locatore per l'intero periodo di fermo . Una parte contraente può rinunciare al contratto di locazione prima del periodo di fermo senza assumersi alcuna responsabilità? La pandemia di COVID-19 può essere considerata un evento di forza maggiore che ne dà origine?

Il miglior consiglio qui è quello di vedere come gli obblighi del locatario (cioè di pagare l'affitto al locatore) possono essere ostacolati dalla situazione COVID-19. Il locatario era impiegato e attualmente non lavora? Al locatario viene concesso un aiuto finanziario dal governo? Tutti questi fattori devono essere considerati. Non è semplicemente una situazione di "sì, si può rinunciare" o "no, non si può rinunciare", ma dobbiamo esaminare ogni situazione particolare caso per caso per determinare se gli obblighi sono semplicemente più difficili da condurre o se sono assolutamente impossibili da eseguire.

Effetto di COVID-19 sui rapporti contrattuali relativi alla promessa di vendita

Molte volte, la promessa di accordi di vendita sarebbe soggetta a una condizione che stabilisca che una vendita deve essere eseguita nel caso in cui venga emessa una lettera di sanzione che delinea la concessione di un prestito al potenziale acquirente da parte di una banca. Quindi, cosa succede se una persona è attualmente disoccupata a causa della pandemia COVID-19? Di conseguenza non soddisferebbe più le condizioni richieste per l'emissione del prestito alla banca. E se la lettera di sanzione fosse già stata emessa e la promessa di vendita fosse già firmata? Chiaramente questa parte non potrà stipulare il contratto di vendita. Anche in questo caso, molti fattori devono essere considerati per determinare se può essere sollevata una richiesta di forza maggiore .

Osservazioni conclusive

  • La parte che fa valere la forza maggiore deve fornire una prova sufficiente; cioè colui che sostiene deve sostenere le sue affermazioni.
  • Le parti che hanno rapporti contrattuali che attualmente non sono interessati dalla pandemia COVID-19, ma che non hanno contratti che coprono questo tipo di scenari ai sensi della definizione di forza maggiore, dovrebbero cercare di modificare i loro contratti attuali al fine di salvaguardare ulteriormente i loro interessi.
  • Un reclamo di forza maggiore riguarda l'esenzione dalla responsabilità per danni e non deve essere utilizzato come scusa per risolvere un contratto (sebbene possano esserci situazioni che possono dar luogo a quest'ultimo).

 

ARTICLE WRITTEN BY WHPARTNERS

FOLLOW THE UPDATES ON WHPARTNERS

EVENTI MICC

Non ci sono eventi futuri

VUOI AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI?

Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
© Copyright 2021 MALTESE ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE. All Rights Reserved.