Mon - Fri: 9:00 - 17:30
Sat-Sun Closed
+356 21244895
Phone
55/1 Giuseppe Calì Street XBX1425 Ta' Xbiex Malta

NEWS

NewsBook MALTA HA LA BANDA LARGA PIÙ CONVENIENTE DELLEUROPA OCCIDENTALEUna ricerca condotta da Cable.co.uk, un'organizzazione che aiuta i consumatori a confrontare i prezzi di Internet a banda larga, mostra che Malta ha il costo più basso per megabit in Europa occidentale.

La ricerca, che ha esaminato il costo della banda larga in 220 Paesi del mondo, ha rilevato che i consumatori maltesi accedono a Internet a banda larga per 0,07 euro per megabit, 2 centesimi in meno rispetto ad Andorra, Spagna e Portogallo, che seguono nella classifica. 

Se si considera il costo dell'accesso a Internet in tutto il mondo, in dollari USA, Malta si colloca al dodicesimo posto tra i Paesi più economici con 0,08 dollari per megabit.

Harald Roesch, amministratore delegato di Melita Limited, uno dei principali fornitori di servizi Internet di Malta, ha dichiarato: "La nostra missione è fornire prodotti di comunicazione che si collochino ai primi posti in Europa per valore; i risultati di questa ricerca dimostrano che ci siamo riusciti". 

Il risultato della ricerca è una buona notizia per Malta, che gode di un'eccellente reputazione per la qualità e la resilienza della sua infrastruttura di telecomunicazioni. "L'investimento che il nostro settore, in particolare Melita, ha fatto per portare Internet superveloce in tutto il Paese, insieme alla vivace concorrenza che esiste tra i fornitori, continua a fornire servizi di qualità ai clienti ad alcuni dei migliori prezzi a livello globale".

Analizzando il costo per megabit in dollari USA, i risultati hanno mostrato che diversi Paesi dell'Europa orientale, tra cui Romania, Polonia, Ungheria e Slovacchia, insieme a Singapore e Thailandia, sono in testa alla classifica. I dati relativi all'Europa occidentale, che hanno messo a confronto i prezzi in 29 Paesi e territori, hanno mostrato che l'Internet a banda larga è più costoso in Norvegia, Danimarca, Isole Faroe e Islanda.

 

logonewsbook 1

TESTO TRADOTTO DALL'ARTICOLO ORIGINALE IN INGLESE PUBBLICATO DAL NEWSBOOK.

CONTINUATE A SEGUIRE LE ULTIME NOTIZIE AGGIORNATE SUL SITO DEL NEWSBOOK

Instagram sito ItIn occasione della traduzione in maltese del romanzo, con il patrocinio dell’Istituto italiano di cultura, la Società Dante Alighieri di Malta ospiterà la presentazione del libro di Irene ChiasEsercizi di sevizia e seduzione. La presentazione si svolgerà in Italiano, a La Valletta (Old Bakery Street 134, Valletta) il 5 maggio alle ore 18.30. Con l’autrice, Irene Chiasdialogheranno il traduttore Mark Vella e la moderatrice Maria Grazia Strano

Pubblicato da Mondadori nel 2013, il libro ha anticipato i tempi del #metoo e ha vinto il premio Mondello nel 2014. Inoltre, invertendo i ruoli nella narrazione della violenza di genere, la protagonista del romanzo evidenzia un nodo cruciale della nostra cultura: come la violenza sessuale contro le donne sia in fin dei conti accettata come qualcosa di “naturale”.

 Particolarmente appropriato sembra quindi il titolo della traduzione maltese Mur Ġibek…, traducibile con un “Mettitici tu…” che sottintende un “al mio posto”. L’inversione proposta dall’autrice mira infatti a sottolineare quei paradossi ormai invisibili agli occhi di una società assuefatta e l’esortazione al mettersi nei panni altrui: lottando contro gli stereotipi che imbrigliano le donne (e gli uomini), la protagonista rivisita le scene di stupro di classici della letteratura, che vanno dalla Bibbia ad American Psycho, inverte il sesso dei personaggi e pratica un simbolico ribaltamento su uomini selezionati per pagare il prezzo del loro autoindulgente sciovinismo.

 

TimesofMalta MALTA RAPPORTO SUL MERCATO MONETARIO PER LA SETTIMANA CONCLUSA IL 22 APRILEOperazioni monetarie della BCE

Il 14 aprile la Banca centrale europea (BCE) ha annunciato l'operazione di rifinanziamento principale (MRO) a sette giorni.

L'operazione è stata condotta il 19 aprile e ha raccolto offerte da controparti idonee della Zona Euro per 474 milioni di euro, 66 milioni di euro in meno rispetto alla settimana precedente. L'importo è stato interamente assegnato a un tasso fisso equivalente al tasso MRO prevalente dello zero per cento, in conformità con l'attuale politica della BCE.

Il 20 aprile la BCE ha condotto un'operazione di finanziamento in dollari a sette giorni attraverso prestiti garantiti in collaborazione con la Federal Reserve statunitense. L'operazione ha raccolto offerte per 214 milioni di dollari, che sono stati interamente assegnati al tasso fisso dello 0,58%.

Mercato nazionale dei buoni del Tesoro

Sul mercato primario nazionale dei Buoni Ordinari del Tesoro, il Tesoro ha invitato a presentare offerte per Buoni a 91 e 182 giorni con valore di regolamento 21 aprile e scadenza rispettivamente 21 luglio e 20 ottobre.

Per i titoli a 91 giorni sono state presentate offerte per 45 milioni di euro e il Tesoro ha accettato 40 milioni di euro, mentre per i titoli a 182 giorni sono state presentate offerte per 45 milioni di euro e il Tesoro ha accettato 15 milioni di euro. Poiché durante la settimana sono scaduti 36,60 milioni di euro, il saldo dei buoni del Tesoro è aumentato di 18,40 milioni di euro, attestandosi a 797,40 milioni di euro.

Il rendimento dell'asta dei Buoni a 91 giorni è stato pari a -0,296%, in calo di 0,2 punti base rispetto alle offerte di analoga durata emesse il 14 aprile, con un prezzo di aggiudicazione di 100,0749 euro per 100 euro nominali. Il rendimento dell'asta di titoli a 182 giorni è stato pari a -0,286%, con un aumento di 3,1 punti base rispetto alle offerte di analogo tenore emesse il 14 aprile, pari a un prezzo di offerta di 100,1448 euro per 100 euro nominali. Durante questa settimana non ci sono state contrattazioni alla Borsa di Malta.

Oggi il Tesoro inviterà a presentare offerte per i titoli a 91 e 182 giorni con scadenza rispettivamente il 28 luglio e il 27 ottobre.

Il rapporto è redatto dall'Ufficio Operazioni Monetarie e Gestione del Collaterale della Banca Centrale di Malta.

 

TM logo

TESTO TRADOTTO DALL'ARTICOLO ORIGINALE IN INGLESE PUBBLICATO DAL TIMES

COVID19 1

Indossare la mascherina sarà ormai obbligatorio solo negli ospedali, nelle case di cura e negli aerei.

L’obbligo di indossare le mascherine ovunque non sarà più valido dal 2 maggio, tranne che negli aerei, negli ospedali e nelle case di cura, ha affermato il ministro della salute Chris Fearne.

Non ci sarà inoltre più bisogno di presentare un modulo del passeggero per viaggiare a Malta, mentre per quanto riguarda matrimoni e altre attività sociali, questi potranno riprendere normalmente.

Il ministro della salute Chris Fearne e il sovrintendente della salute pubblica Charmaine Gauci hanno annunciato la nuova regolamentazione durante una conferenza stampa.

Fearne ha affermato che c'erano 88 persone con COVID-19 in ospedale, 39 delle quali sono state curate dal virus e altre delle quali, ricoverate per diverse condizioni di salute, sono risultate positive al momento dell'ammissione.

Due sono in terapia intensiva. "Questi numeri sono stati gli stessi per mesi, anche quando i numeri in società sono saliti", ha detto Fearne. "Il vaccino è efficace quando si tratta di complicazioni, poiché anche quando il numero di nuovi casi è aumentato, i casi in terapia intensiva sono rimasti invece bassi", ha detto Fearne.

Venerdì ci sono stati 249 nuovi casi con covid-19.

 

TM logo

TESTO TRADOTTO DALL'ARTICOLO ORIGINALE IN INGLESE PUBBLICATO DAL TIMES MALTA..

CONTINUATE A SEGUIRE LE ULTIME NOTIZIE AGGIORNATE SUL SITO DELTIMES MALTA

TimesofMalta SECONDO LE PREVISIONI DELLA BANCA CENTRALE MALTESE IL DEFICIT RIMARRÀ FINO AL 2024 CON GLI AIUTI DI AIR MALTA TRA I RISCHIIl PIL di Malta crescerà del 6% grazie alla continua ripresa dalla pandemia.

Secondo le proiezioni della Banca Centrale di Malta, il PIL di Malta dovrebbe crescere del 6% quest'anno, grazie alla continua ripresa dallo shock della pandemia, ma i suoi conti rimarranno in deficit almeno fino al 2024.

La Banca centrale ritiene che il PIL del Paese crescerà del 5,3% nel 2023 e del 3,8% nel 2024. L'anno scorso il PIL è aumentato del 9,4%, superando marginalmente quello del 2019.

Si prevede che il bilancio pubblico rimarrà in deficit, anche se si ridurrà al 3,3% del PIL entro il 2024 con la graduale eliminazione delle misure di sostegno legate al COVID. Il debito pubblico dovrebbe raggiungere il 60,9% del PIL entro quell'anno.

Il disavanzo riflette l'estensione del sostegno economico legato alla COVID-19, in presenza di nuove misure di contenimento in risposta a nuove varianti del virus e a un'aggressiva campagna di vaccinazione. La Banca stima che il saldo fiscale mostrerà un deficit del 9,3% del PIL nel 2021, mentre il debito pubblico è stimato al 57,7% del PIL.

Impatto della ristrutturazione di Air Malta

Secondo le proiezioni incluse nel documento 2021 pubblicato mercoledì, i rischi per le proiezioni fiscali riguardano principalmente il resto di quest'anno, quando alcune spese potrebbero aumentare il deficit. Questi rischi riguardano la probabilità di un ulteriore sostegno legato alla COVID, l'impatto della ristrutturazione di Air Malta sulla probabilità di aiuti di Stato alla compagnia aerea e il sostegno necessario per attutire l'impatto dell'aumento dei prezzi delle materie prime a seguito del conflitto in Ucraina.

Il governatore della Banca Centrale, Edward Scicluna, ha dichiarato che le pressioni inflazionistiche dovrebbero rimanere elevate nel 2022, ma dovrebbero iniziare a dissiparsi nel 2023, poiché si prevede che le strozzature dell'offerta si attenuino gradualmente.

Scicluna ha parlato a lungo delle pressioni inflazionistiche nelle economie mondiali, compresa la Zona Euro. Ha spiegato che l'inflazione è diminuita marginalmente dallo 0,8% nel 2020 allo 0,7% nel 2021, per poi salire al 2,6% a dicembre, quando le pressioni internazionali sui prezzi hanno iniziato a trasmettersi a livello locale.

Scicluna ha affermato che, nonostante l'aumento dell'inflazione

ECONOMYECONOMIA

 

Il sondaggio dell'Eurobarometro, rispetto all'anno precedente, registra tra gli intervistati maltesi che si identificano come classe operaia un aumento di 11 punti.

Un maltese su quattro, secondo un sondaggio condotto dal servizio di raccolta dati Eurobarometro, si identifica come classe operaia.

Invece, solo un maltese su 20 si identifica come classe medio-alta. Tuttavia, nessuno si rappresenta come appartenente alla classe superiore o classe alta - termine più pertinente infatti al ceto aristocratico.

Se il 56% degli intervistati si identifica come classe media, il 14% di questi si vede come classe medio-bassa - una classe, quest'ultima, che può essere paragonata alla piccola borghesia o al lavoratore autonomo, i quali, pur evitando il lavoro salariato, non sono ancora forti a livello finanziario, come non lo sono i dipendenti della classe media.

La domanda sull'appartenenza di classe inserita nel sondaggio standard dell'Eurobarometro, piuttosto che un mero riflesso delle differenze di reddito, è un indicatore di come gli stessi intervistati dei diversi paesi si identificano rispetto agli altri paesi all'interno della propria realtà nazionale. 

Altresì, potrebbe riflettere l'ambizione piuttosto che l'effettivo tenore di vita.

Peraltro, con la consapevolezza che la pandemia e la conseguente crescita dell'inflazione possono aver rafforzato la coscienza di classe a Malta, la percentuale di coloro che si identificano con la classe operaia è aumentata di 11 punti rispetto alla primavera 2021, mentre quella di coloro che si identificano con la classe medio-bassa è aumentati di 2 punti.

Diversamente, la percentuale di coloro che sentono di appartenere alla classe media è diminuita di 13 punti. La percentuale di coloro che si identificano con la classe medio-alta è rimasta invariata al valore del 5%.

Il sondaggio suggerisce che la divisione di classe a Malta rispecchia quella della tradizione europea, con l'unica differenza significativa che a Malta meno persone si identificano con la classe medio-alta.

Un dato altrettanto significativo che emerge dall'indagine è il divario tra paesi on una maggiore percentuale di persone della "classe medio-alta", come i Paesi Bassi, il Lussemburgo e i Paesi scandinavi, e i paesi in cui invece questa classe è quasi assente

Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
© Copyright 2022 MALTESE ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE. All Rights Reserved.