Mon - Fri: 9:00 - 17:30
Sat-Sun Closed
+356 21244895
Phone
55/1 Giuseppe Calì Street XBX1425 Ta' Xbiex Malta

NEWS

BUSINESS 8

Il Ministro dell'Economia, dei Fondi Europei e delle Terre Silvio Schembri ha annunciato il TAKEOFF Seed Award 2022 (TOSFA). Questo premio, in collaborazione con l'Università di Malta, offre un'opportunità ai nuovi imprenditori di realizzare i loro progetti. Quest'anno, il TOSFA assegnerà 100.000 euro di premio in denaro.

È la nona volta che viene assegnato un premio di questo tipo, il quale ha previsto già la distribuizione di 800.000 euro57 imprese che ne hanno beneficiato. Quest'anno, i candidati selezionati potranno beneficiare di una sovvenzione tra 5.000 e 25.000 euro ciascuno.

Il ministro Schembri ha detto che un paese con un'economia forte è quello che dà gli strumenti necessari ai commercianti in modo che possano migliorare il loro business. "Attraverso il programma TOSFA, stiamo continuando a investire e ad aiutare gli imprenditori a diversificare l'economia e a migliorare la competitività. Questo Ministero è impegnato a rafforzare ulteriormente i programmi di assistenza finanziaria come TOSFA e altri programmi amministrati da altre entità all'interno del Ministero, al fine di continuare a rendere il nostro paese un hub internazionale per le nuove imprese", ha detto il ministro Schembri.

L'iniziativa TOSFA è una collaborazione tra il Ministero dell'Economia, dei Fondi Europei e delle Terre e l'Università di Malta per finanziare la fase iniziale di start-up dei progetti tecnologici che sono adatti al mercato maltese e per vedere alla fine che vengano creati più investimenti e opportunità di lavoro.

Il ministro Schembri ha anche parlato del fatto che il ministero sta lavorando per eliminare l'eccessiva burocrazia. "Attraverso il Malta Business Registry (MBR), stiamo lavorando per cambiare il processo burocratico quando si tratta di registrazioni e mantenimento delle società. Nelle prossime settimane, annunceremo i dettagli su questo e forniremo alle imprese informazioni e formazione su leggi e schemi che sono di loro interesse", ha dichiarato il ministro Schembri.

Il prorettore per la ricerca e il trasferimento delle conoscenze, il professor Simon Fabri, ha detto che l'iniziativa TAKEOFF Seed Award sostiene la ricerca universitaria che a sua volta porta alla realizzazione di progetti. La quantità di ricerca e sviluppo intrapresa in tali progetti può essere realizzata con il supporto di fondi simili e in

TimesofMalta MALTA DOVREBBE AVERE UN NUOVO REGIME FISCALE ENTRO IL 2025

Il Ministro delle Finanze segnala l'intenzione di abbandonare il sistema di imputazione.

Il Ministro delle Finanze Clyde Caruana ha annunciato venerdì l'introduzione di un nuovo regime fiscale entro il 2025, con un'importante revisione del sistema attuale. 

Rivolgendosi a una conferenza stampa, Caruana ha affermato che è giunto il momento di rinnovare l'industria dei servizi finanziari introducendo un nuovo regime fiscale per le società che sostituisca quello attuale, redatto oltre 20 anni fa dall'allora ministro delle Finanze John Dalli. Una "prima bozza" del nuovo piano fiscale è già stata elaborata, ha dichiarato Caruana. 

Il ministro delle Finanze ha rifiutato di fornire dettagli specifici sull'impatto delle attuali aliquote dell'imposta sulle società. "Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi questo documento sarà reso pubblico. Abbiamo bisogno di avere i numeri giusti per assicurarci che l'isola non veda un calo delle entrate fiscali", ha detto Caruana. 

Abbandono del sistema di imputazione

Caruana ha detto che si terrà un processo di consultazione pubblica sul regime fiscale proposto, che dovrà anche essere approvato dalla Commissione europea. Caruana ha affermato che il nuovo regime dovrebbe essere applicato già nel 2025

"Gli attori principali dell'industria maltese dei servizi finanziari sono tutti consapevoli della necessità di un cambiamento. Il lavoro è stato svolto dagli stessi operatori, mentre il governo sta facilitando il processo. 

"Passeremo dal sistema di imputazione a un sistema classico", ha detto Caruana. Il regime fiscale favorevole di Malta per le società di proprietà straniera è da tempo oggetto di critiche da parte di altri Paesi dell'UE. 

Il sistema attuale prevede che le società di proprietà straniera ricevano un rimborso di 6/7 dell'aliquota fiscale del 35%, il che significa che l'aliquota fiscale effettiva pagata da queste società è solo del 5%

Il sistema, e altri simili in altre giurisdizioni, è stato messo sotto pressione dagli sforzi dell'OCSE per introdurre un'aliquota fiscale minima globale per le società. I dettagli di questo sistema sono ancora in fase di definizione, ma i piani hanno suscitato allarme nei Paesi che cercano di attrarre le società di proprietà straniera, come Malta.

Caruana ha rifiutato di dire se con il nuovo regime le società maltesi e quelle di proprietà straniera pagheranno le tasse alla stessa

BUSINESS1

PlugAndPlay ha firmato un memorandum d'intesa con Quantum Foundation e Malta Enterprise

PlugAndPlay, il programma di accelerazione dietro Dropbox e PayPal - tra gli altri - ha firmato un memorandum d'intesa con Quantum Foundation Malta Enterprise per stabilirsi a Malta.

Con una rete composta da oltre 30.000 startup e oltre 500 aziende leader a livello mondiale, PlugAndPlay serve come un programma di accelerazione per le startup, accelerando la loro crescita attraverso programmi di accelerazione e connessioni a un ecosistema di innovazione aperta e investimenti.

"Il fatto stesso che questo acceleratore globale e marchio prestigioso si stia impegnando in questa presenza a Malta è un'altra pietra miliare nel progetto 'Start In Malta' che abbiamo avviato un anno fa", ha detto il ministro dell'Ambiente, dell'Energia e delle Imprese Miriam Dalli.

"Mentre attrarre startup straniere a Malta rimane la chiave per accelerare il nostro sviluppo, vogliamo anche garantire che le startup indigene e altre che sono già stabilite qui giochino un ruolo attivo nello sviluppo dell'ecosistema delle startup. Questo acceleratore all'avanguardia fornirà supporto per lo scale-up e avrà accesso alla rete globale di mentori, startup, potenziali clienti e investitori. Sarà aperto a tutte le startup straniere e locali e alle scale-up che passano attraverso i criteri di selezione dei programmi'', ha detto il ministro.

Il CEO di Malta Enterprise, Kurt Farrugia, ha sottolineato il rinnovato impegno verso le startup. "Malta Enterprise ha rinnovato uno dei principali schemi finanziari, Startup Finance, e siamo attualmente in discussione per subire ulteriori aggiornamenti. Questo MoU con Quantum Foundation e PlugAndPlay è un'altra pietra miliare raggiunta a beneficio dell'ecosistema locale, attraverso le interessanti opportunità che offriranno alle startup."

Gareth Jenner, CEO di TrustStamp, ha detto che Quantum Foundation è stata creata per accelerare l'ecosistema a Malta. "PlugAndPlay è uno dei principali acceleratori del mondo, e la loro decisione di venire a Malta è un'incredibile opportunità per Malta e i suoi imprenditori", ha dichiarato.

Omeed Mehrinfar, amministratore delegato di PlugAndPlay, ha descritto la scelta di Malta da parte di PlugAndPlay come un'opportunità per sostenere un ecosistema imprenditoriale locale con lo sviluppo, sia all'interno di

TimesofMalta MALTA FIRMA NUOVI ACCORDI PER BLOCCARE IL PREZZO DEL GNL

Una forma di copertura dei prezzi nei contratti firmati con l'operatore energetico italiano Enel.

Enemalta, il fornitore di energia di Malta, ha firmato nuovi accordi per bloccare i prezzi di "un volume sostanziale" della fornitura di gas naturale liquefatto del Paese.

In base agli accordi, il fornitore statale di energia fisserà il prezzo di vari volumi di gas a tariffe diverse, in una mossa che, secondo il governo, mira a mantenere stabili le bollette e ad assorbire l'impatto di eventuali aumenti dei prezzi.

Il Ministro dell'Energia Miriam Dalli ha dichiarato al Times of Malta che gli accordi finanziari sono stati raggiunti con "una terza parte" nei giorni scorsi. A quanto risulta, i contratti sono stati firmati con l'operatore energetico italiano Enel Trade S.p.A, in quella che di fatto è una forma di copertura dei prezzi con un altro nome.

Invece di bloccare il prezzo del gas come aveva fatto nella precedente legislatura, Malta sta ora agganciando, o "indicizzando" il prezzo rispetto a un'altra merce, il petrolio Brent.

L'accordo per un prezzo bloccato fissato con l'operatore petrolifero italiano ha lo scopo di ridurre al minimo l'esposizione dell'isola alle fluttuazioni dei prezzi del Brent. "Questi sono tempi difficili e la direzione politica del governo è quella della stabilità", ha dichiarato Dalli. La priorità principale, ha detto, è quella di ridurre al minimo le variazioni dei prezzi delle utenze per i consumatori. 

Il governo non ha voluto divulgare il prezzo e il volume della merce che Malta si è impegnata a garantire, adducendo ragioni commerciali. Tuttavia, fonti di Enemalta hanno dichiarato che il cosiddetto "contratto per differenza" fornisce un cuscinetto per le variazioni del prezzo di mercato del GNL, creando gli stessi effetti di un accordo di copertura. 

Electrogas acquisterà il GNL

Le fonti hanno dichiarato che Malta si è già assicurata un "volume sostanziale", ma ha lasciato delle tasche disponibili per effettuare altri accordi in futuro, nel caso in cui i prezzi dovessero scendere.

Gli acquisti effettivi di GNL sul mercato internazionale non saranno effettuati da Enemalta, che ha solo fissato il prezzo a cui deve essere acquistato. Sarà invece Electrogas, la società dietro la controversa centrale elettrica a gas di Malta, ad acquistare il gas necessario per produrre elettricità.

Da diversi mesi si sta preparando una tempesta

LovinMalta MALTAS WAGE SUPPLEMENT HAS BEEN EXTENDED FOR ONE FINAL MONTH MAYL'integrazione salariale Covid-19, lanciata per aiutare le imprese e i privati, è stata nuovamente prorogata per l'ultimo mese di maggio.

Il Ministro dell'Ambiente, dell'Energia e delle Imprese Miriam Dalli ha annunciato la proroga ieri durante una conferenza stampa.

Negli ultimi 26 mesi dall'epidemia di COVID-19, le imprese e i lavoratori hanno ricevuto più di 720 milioni di euro grazie al regime di integrazione salariale, che aveva iniziato nel 2020. 

Il regime di integrazione salariale ha aiutato molte persone durante il percorso di ripresa dalle tensioni che la pandemia ha inflitto all'economia, con oltre 17.000 imprese che sono state aiutate.

In questo modo, il governo è riuscito a salvare oltre 120.000 posti di lavoro. L'importo totale erogato nell'ambito del programma di integrazione salariale è stato di 723.477 euro.

 

OIP 7

 

 

TESTO TRADOTTO DALL'ARTICOLO ORIGINALE IN INGLESE PUBBLICATO DAL LOVIN MALTA.

CONTINUATE A SEGUIRE LE ULTIME NOTIZIE AGGIORNATE SUL SITO DEL LOVIN MALTA

FINANCEFINANZA 3

El Salvador e la Bielorussia sono i paesi più permissiviItalia, Francia e Finlandia sono i più severi. E' quanto risulta da un’indagine redatta da Sape Cons Ltd, uno studio legale con sede a Londra, e formato da due professionisti italiani, Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro.

I Paesi più morbidiEl Salvador e la Bielorussia. Quelli più severiItaliaFrancia e Finlandia. Un’indagine redatta da Sape Cons Ltd, uno studio legale con sede a Londra, e formato da due professionisti italiani, Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro, avvocati esperti del mondo, spesso sconosciuto, delle criptovalute: “Chi investe non conosce, quasi mai, le leggi in materia, rischiando di violare norme che possono poi portare a gravi conseguenze. Pochi sanno, ad esempio, che, nel nostro paese, diverse pronunce dell’Agenzia delle Entrate e varie sentenze di giurisdizionali hanno, di fatto, sottoposto i ricavi da moneta virtuale alle regole fiscali generali contenute nel Testo Unico delle Imposte sui Redditi (il TUIR) e nel Decreto sull’istituzione e disciplina dell’Iva”, spiega Petrillo.

Questo significa che le plusvalenze vengono tassate separatamente, mentre per Ires, Irap e Irpef vengono applicati gli scaglioni previsti per legge: “In particolare sono assoggettati all'Imposta sul reddito delle persone fisiche i ricavi realizzati sulla vendita di valuta estera rivenienti da depositi e conti correnti a condizione che, nel periodo d'imposta in cui la vendita avviene, il saldo di tali conti ecceda Euro 51.645,69 per almeno sette giorni lavorativi consecutivi. Non conoscere le regole è pericoloso perché si rischia di evadere le tasse senza neanche saperlo”, dice Santoro.

Da qui l’idea di studiare a fondo le legislazioni di quasi 50 Paesi e di avviare un corso online (Cripto Ca$h) con affiancamento consulenziale, per aggiornare operatori e investitori del mondo cripto, professionisti del settore e no, sull’intricata materia: “Ne è nata così una classifica sulle Nazioni che sono più, diciamo così, permissive e su quelle che invece hanno serrato i ranghi dal punto di vista fiscale", spiega Petrillo- Al primo posto, c’è senza dubbio El Salvador, dove il Bitcoin, che ha un ruolo primario tra le criptovalute, è assunto al rango di moneta legale. Con i Bitcoin, si può così pagare le tasse, fare acquisti

Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
© Copyright 2022 MALTESE ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE. All Rights Reserved.