Mon - Fri: 9:00 - 17:30
Sat-Sun Closed
+356 21244895
Phone
55/1 Giuseppe Calì Street XBX1425 Ta' Xbiex Malta

Saldo e debito delle Amministrazioni Pubbliche ai sensi del Trattato di Maastricht: prima rendicontazione per il 2023

Pin It

NSO_Saldo_e_debito_delle_Amministrazioni_pubbliche_ai_sensi_del_Trattato_di_Maastricht_prima_rendicontazione_per_il_2023_1.jpgNel 2022 le Amministrazioni pubbliche hanno registrato un disavanzo di 981,1 milioni di euro, pari al 5,8 per cento del PIL. Il debito delle Amministrazioni pubbliche ammontava a 9.003,4 milioni di euro, pari al 53,4 per cento del PIL.

 Saldo e posizione debitoria delle Amministrazioni pubbliche

Il disavanzo delle Amministrazioni pubbliche per il 2022 ammonta a 981,1 milioni di euro, in miglioramento di 194,7 milioni di euro rispetto al disavanzo registrato nell'anno precedente. Il saldo è calcolato come differenza tra il totale delle entrate (5.913,9 milioni di euro) e le spese (6.894,9 milioni di euro) delle Amministrazioni pubbliche. Confrontando il periodo 2022-2021, le entrate totali sono aumentate di 493,8 milioni di euro, mentre le spese totali sono aumentate di 299,1 milioni di euro.

Dati 2022

Per arrivare al saldo negativo del settore delle Amministrazioni pubbliche per il 2022 pari a 981,1 milioni di euro, è stato rettificato il saldo del Fondo Consolidato dello Stato (comunicato stampa NSO 054/2023), che registra un disavanzo di 900,3 milioni di euro, in miglioramento 332,2 milioni di euro oltre il disavanzo registrato nel 2021. Gli aggiustamenti sono necessari per passare dal Fondo Unico di Stato a un esercizio per competenza compilato secondo la metodologia stabilita. Gli aggiustamenti tengono conto anche delle Unità Extra Budget (UER), che sono classificate nel settore delle Amministrazioni Pubbliche, oltre che nel settore delle Amministrazioni Locali. La tabella 3 riporta il passaggio dal Fondo Consolidato al settore delle Amministrazioni Pubbliche.

La rettifica negativa più consistente è relativa agli Altri conti attivi e passivi che ammontano a 330,2 milioni di euro, che includono tra gli altri i ratei del Dipartimento del Tesoro, le rettifiche di neutralizzazione dei Fondi UE e le differite d'imposta COVID-19. Altre rettifiche negative sono state le operazioni dirottate all'interno della PA e dei contratti di partenariato pubblico-privato (PPP) (13,1 milioni di euro) ei Fondi di liquidazione del Tesoro (TCF) in operazioni non finanziarie (7,1 milioni di euro).

Le principali rettifiche positive sono state invece le operazioni di cassa rettificate (167,9 milioni di euro) e l'eccedenza registrata dagli EBU di 70,0 milioni di euro, che riflette un leggero calo di 0,9 milioni di euro rispetto al 2021. Altri incrementi sono stati i nuovi l'iscrizione di crediti d'imposta passivi (24,3 milioni di euro) e l'avanzo aggregato delle Amministrazioni Locali per 7,1 milioni di euro.

 

logo.png

ARTICLE WRITTEN BY NSO

FOLLOW THE UPDATES ON NSO

Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
© Copyright 2024 MALTESE ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE. All Rights Reserved.