Mon - Fri: 9:00 - 17:30
Sat-Sun Closed
+356 21244895
Phone
55/1 Giuseppe Calì Street XBX1425 Ta' Xbiex Malta

COVID-19 MALTA: ALTRE MISURE FISCALI PER SUPPORTARE LE IMPRESE ED I PRIVATI A MALTA - SCRITTO DA WH PARTNERS

Pin It

Coronaviruswebsite-13Lo studio legale WH PartnersSocio Gold della Maltese Italian Chamber of Commerce, ha pubblicato questo articolo per rispondere alle domande più frequenti relative al COVID-19, e per fornire una guida iniziale a tutti i privati ed imprese la cui attività sta subendo danni in ragione del diffondersi dell'epidemia da Coronavirus.
Questo articolo è stato scritto da:

Ramona Azzopardi
Rachel Vella Baldacchino
Joselyn Teuma

Il 18 marzo 2020, il Primo Ministro di Malta, il Ministro delle finanze Scicluna e il Ministro dell'Economia Schembri hanno annunciato alcune misure economiche per sostenere le imprese maltesi nel tentativo di mitigare parzialmente l'interruzione economica causata dalla pandemia di COVID-19.

Stipendio e sostegno salariale per i datori di lavoro maltesi

Una parte significativa delle misure recentemente annunciate è intesa ad alleviare in qualche modo l'onere a carico dei datori di lavoro i cui dipendenti sono obbligati ad aderire agli ordini di quarantena obbligatori, o la cui la loro attività sia stata soggetta a misure governative dirette (come la chiusura di ristoranti, bar, palestre, cinema, casinò e centri scommesse).
Maggiori dettagli sulle misure devono ancora essere forniti. Le forme di assistenza che saranno disponibili per i datori di lavoro in queste situazioni per il momento sono le seguenti:

  • Una dotazione finanziaria per i datori di lavoro di € 350 per ciascun dipendente che è stato tenuto a prendere un congedo di quarantena in linea con le nuove normative;
  • Compensazione finanziaria per gli stipendi pagati dalle imprese che sono state direttamente interessate da ordini di chiusura governativi, soggetti ad un importo di € 800 al mese, per le imprese e i lavoratori autonomi maggiormente colpiti dall'ordine del governo di sospensione delle operazioni al fine di tutelare la salute pubblica e la sicurezza. Laddove l'impresa interessata sia un lavoratore autonomo, tale assistenza è aumentata fino a coprire le spese salariali pagabili per tre giorni settimanali;
  • Compensazione aggiuntiva per i lavoratori autonomi che hanno registrato una riduzione di almeno il 25% delle loro vendite, in relazione alle perdite subite calcolando un singolo giorno settimanale. Laddove l'attività coinvolga anche dipendenti, l'aiuto disponibile viene aumentato delle perdite subite calcolato in due giorni settimanali, con un limite massimo di € 800.

Supporto finanziario per tutte le imprese

L'assistenza concessa includerà anche i differimenti su tutti i pagamenti fiscali (che coprono l'imposta provvisoria, le imposte sui dipendenti, i pagamenti dei fondi di maternità, i contributi di sicurezza sociale e l'imposta sul valore aggiunto) dovuti per marzo e aprile 2020, concessi a tutte quelle imprese che sono state colpite negativamente dalla diffusione della pandemia e che hanno rispettato gli obblighi fiscali che scadono entro il 31 dicembre 2019.

Assistenza finanziaria per famiglie e disoccupati

Questa assistenza comprende:

  • Congedo retribuito aggiuntivo di due mesi limitato a € 800 al mese per i genitori che non sono in grado di svolgere il proprio ruolo tramite accordi di telelavoro e che sono dovuti rimanere a casa a causa della chiusura delle scuole;
  • Un sussidio di lavoro temporaneo di € 800 al mese, con effetto dal 9 marzo 2020, a quei dipendenti che diventano nuovi disoccupati a causa delle misure di licenziamento;
  • Un'indennità aggiuntiva di € 800 al mese per le persone con disabilità che non possono svolgere il proprio lavoro tramite un accordo di telelavoro e che sono consigliate di rimanere a casa a causa della loro vulnerabilità a complicazioni di salute sfavorevoli;
  • Sussidi per l'affitto di persone che diventano nuovi disoccupati a partire da marzo 2020 e che stanno attualmente pagando l'affitto. Tutti gli individui che erano precedentemente disoccupati e che ricevono un sussidio per l'affitto vedranno anche un aumento del loro sussidio previsto.

Sostegno all'agenzia Jobsplus e assunzione di cittadini di Paesi terzi

Jobsplus ha istituito un nuovo ufficio diretto a supportare i cittadini maltesi, dell'UE e dei paesi terzi che trovano un impegno alternativo in seguito alla ridondanza, oltre ad assistere i datori di lavoro che cercano di assumere nuovi dipendenti.
Nel tentativo di incoraggiare il reimpiego di cittadini maltesi e dell'UE, a qualsiasi datore di lavoro che interrompe l'assunzione di cittadini dell'UE e maltesi sarà proibito di assumere successivamente cittadini di Paesi terzi.
È stato inoltre annunciato che l’Identity Malta non accetterà nuove domande di permesso unico per cittadini di paesi terzi durante la vigenza di tali misure, ad eccezione delle domande per lavoratori nelle professioni sanitarie e per altri lavoratori altamente qualificati.
 

Se hai bisogno di assistenza in merito all'applicazione di queste misure non esitare a contattare i partner WH, contattando o scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Clicca qui per leggere l'articolo originale

EVENTI MICC

Non ci sono eventi futuri

VUOI RICHIEDERE UNA CONSULENZA PROFESSIONALE?

Se vuoi avere maggiori informazioni, contattaci per organizzare una consulenza con dei professionisti.

CONTATTACI

APRI UN TICKET GRATUTO

INDIRIZZO

55/1 GIUSEPPE CALI STREET
XBX1425 TA XBIEX
MALTA

Phone Number

Support: +356 21244895
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
© Copyright 2021 MALTESE ITALIAN CHAMBER OF COMMERCE. All Rights Reserved.